Senza categoria

Mascherati per Mirafiori Sud

Postato il Aggiornato il

La data del Carnevale a Mirafiori Sud si avvicina (18 Febbraio 2017) e sono numerosi i gruppi che si stanno preparando per partecipare alla sfilata a piedi.
Eccone alcuni che ci hanno segnalato la loro presenza: le famiglie del Mirafleming; il coro “Il grillo cantante e gli amici” della Scuola Collodi; il gruppo Vianney; il grupo Scout Torino 23; le famiglie della Materna Sole; il gruppo IC Salvemini – con tante classi ognuna a tema; un gruppo dalla Scuola Cairoli; il gruppo Teatrazione.
Altri si aggiungeranno e poi certamente contiamo sui partecipanti dell’ultimo minuto!

Aspettiamo tutti alla partenza della sfilata in Strada Castello di Mirafiori 148 (Mausoleo della Bela Rosin) alle ore 14:30 di Sabato 18 Febbraio, oppure lungo il percorso indicato quì sotto.  E dopo la sfilata ci raduniamo tutti alla festa in maschera in Via Panetti 1, Torino (Casa Nel Parco)

Per sostenere il Carnevale popolare alla festa in Via Panetti 1, offriamo sacchetti di coriandoli ad offerta economica libera: non comprarli prima, prendi i Coriandoli del Carnevale!

Per informazioni scrivi a carnevale.mirafiorisud@gmail.com

percorso_carnevale

Un matrimonio meraviglioso: quello di Pulce ed Elefante!

Postato il Aggiornato il

UN MATRIMONIO MERAVIGLIOSO è il tema del gruppo in maschera proposto dal coro “Il grillo cantante” e i suoi amici, che invita bambini, ragazzi e adulti a mascherarsi a tema e sfilare insieme al Carnevale di Mirafiori Sud di sabato 18 febbraio a Torino.
Ecco il loro invito per tutti, così come ci hanno chiesto di diffonderlo:

La sapete la novità?  Pulce ed Elefante si sposano!!! Faranno una fantastica festa il 18 febbraio al CARNEVALE DI QUARTIERE MIRAFIORI SUD .
Ci troviamo tutti in maschera in Strada Castello di Mirafiori  142/8 Torino, ALLE 14.30 (per l apartenza della sfilata) Siete tutti invitati ad unirvi al gruppo in maschera!!!!

Il tema del gruppo è UN MATRIMONIO MERAVIGLIOSO! Ed è proposto dal coro “Il grillo cantante” e i suoi amici. (Coro d’Istituto della Collodi-Rodari e tutti i bimbi che vogliano unirsi, anche se non sono canterini)

ECCO COME TRAVESTIRTI PER UNIRTI A NOI:
Ci saranno gli sposi
, una bellissima pulce e un elegantissimo elefante, e ci saranno gli invitati, tutti gli animali dell’isola: GORILLA, SERPENTE, FORMICA, PAPPAGALLO, GAZZELLA, LEONE e chi vuoi tu… Pulce è una bellissima sposina e quindi dovrebbe essere vestita di bianco,  avere un bel velo e un  mazzolino di fiori. Ma attenzione: deve essere anche un po’ pulce. Elefante è  un elegantissimo sposo con il suo papillon, i pantaloni grigi e la giacca nera. Ma attenzione: deve essere anche un elefante. Tutti gli animali sono invitati: anche loro elegantissimi con un fiore all’occhiello  o un papillon per i maschi e un mazzolino di fiori o dei fiorellini sulla testa per le femmine.
Se ti travesti da elefante, dovrai trovare una pulce per fare coppia e viceversa. Il corteo inizierà con la sfilata delle coppie di sposi e sarà seguito dagli invitati.

E alle 17,00 – arrivati alla festa – il coro “Il Grillo Cantante” canterà FARE UN BEL CORO e UN MATRIMONIO MERAVIGLIOSO sul palco alla Casa nel Parco via Panetti 1, Torino ( parco Colonnetti)

Vuoi entrare meglio nel tema? Leggi la storia per intero…

TITOLO: IL MATRIMONIO MERAVIGLIOSO
Siamo sull’isola Macchiaverde,  abitata da soli animali. Un mattino Elefante va da Gorilla, il saggio del gruppo:
-Gorilla ti devo dire una cosa importante: mi sono innamorato e voglio dichiararmi a lei.
-Che bella notizia! Chi è la fortunata?- domanda Gorilla
-E’ gentile, premurosa, dolcissima e un po’ timida. Sa anche ballare in modo straordinario- aggiunge  Elefante
– Grandioso… e la conosco?-chiede Gorilla
-Non la conosce nessuno perché è molto riservata e non si fa notare…non è come tutte le altre-continua Elefante
-Ma allora chi è?- incalza Gorilla
-Pulce! – sussurra timidamente Elefante
– Cosa?! Ma ti sei bevuto il cervello? E tutto il resto della giungla lo sa? Cosa dicono gli altri?- chiede Gorilla
-Ecco, sei come tutti gli altri. Lei è diversa! Vi fermate all’apparenza e non capite il significato del vero amore. Speravo di trovare in te un vero saggio che avesse una mentalità più aperta e invece mi sbagliavo- grida seccato Elefante
– Parlo così perché ti voglio bene. Le pulci vivono alle spalle degli altri e di loro non ci si può fidare.E poi, anche se lei, come dici tu, è diversa, come può una pulce sposare un elefante? Sareste due diversi. Conosco la diversità e ho visto a cosa porta. Guarda Serpente: a causa del suo diverso modo di camminare e parlare è stato allontanato e ora vive da solo. E’ questo che vuoi? Vai da lui e impara- risponde Gorilla

Elefante va da Serpente e si confida con lui. Serpente ascolta e poi dice:
-Io sono stato scartato da tutti perché sono l’unico a  strisciare e sibilare e giorno dopo giorno ho imparato a vivere da solo. So bene cosa vuol dire essere emarginato e ti posso dire che non si sta bene senza amici. Però nel caso di te e Pulce, ti consiglio di seguire il tuo cuore e non badare agli altri. Tutti vi escluderanno, come hanno fatto con me, ma almeno tu avrai una dolcissima compagna che ti starà vicino.

Elefante riconoscente, promette a Serpente che se si sposerà, lui sarà il testimone di matrimonio, poi  va da Pulce e si dichiara:
-Pulce, mia adorata,  in un primo momento sono stato attratto dalla tua perfetta forma fisica, così snella, leggera e piena di energia, ma è da quando ti ho parlato che mi sono innamorato di te. Mi hai conquistato con la tua allegria e la tua gentilezza. Sei stata l’unica a parlare ad un pachiderma, trattandolo come un suo pari. Per questo ti chiedo di diventare mia moglie.
-Caro Tino, Elefantino mio, la tua bontà mi ha fatto capire che non dovevo più dare fastidio al prossimo, ma solo cercare di renderlo felice. Grazie a te non sono più una fastidiosa pulce, ma sono diventata per tutti una vera amica, tanto che le formiche mi hanno accolta come una di loro. Non chiedo di meglio che andare in sposa a chi ha favorito la mia trasformazione. Quindi ti dico sì, per tutta la vita- risponde Pulce

Elefante e Pulce, pur sapendo la sua contrarietà, vanno da Gorilla ad annunciare comunque il loro matrimonio e qui trovano una piacevole sorpresa: tutti gli animali della giungla, radunati da Gorilla, li stanno aspettando. Serpente alzandosì più in alto che può, sibila:

-Viva gli sssssssssssspossssssssssssi!!!!!

Le formiche corrono tutte incontro a Pulce, abbracciandola come una sorella, ma anche le pulci, che prima l’avevano esclusa, sono lì, commosse, per lei.

Gorilla, seduto vicino a serpente dice:
-Cari sposi, ho riflettuto a lungo e Serpente mi ha fatto capire che sbagliavo. Quando il cuore è sincero, ogni ostacolo viene abbattuto. Benedico quindi il vostro matrimonio
-Scusaci se ti abbiamo derisa e abbandonata. Vogliamo farci perdonare aiutandoti nei preparativi per le nozze. A tal proposito, abbiamo chiesto a Topino, sarto di città, di prepararti un bellissimo velo da sposa che saremo felici di regalarti.- dicono le altre pulci

Pappagallo svolazzando di albero in albero diffonde la notizia:
-Preparatevi ad un matrimonio meraviglioso! Pulce ed Elefante si sposano! Si sposano! Si sposano!

 

I coriandoli di Mirafiori Sud

Postato il Aggiornato il

Carnevale non è carnevale senza un po’ di coriandoli (pochi, consapevoli del loro impatto ambientale). E’ ancora più vero per il Carnevale a Mirafiori Sud in cui il sacchetto di coriandoli personalizzato è il gadget con cui collaborare all’evento, anche senza partecipare alla sfilata: soprattutto collaborare alla possibilità che il Carnevale diventi una tradizione per il quartiere. Per capire perchè vi raccontiamo come è nata questa prima edizione.

Mirafiori Social Green è un progetto attivo da 2 anni a cui collaborano 8 organizzazioni impegnate a valorizzare il nostro quartiere. A conclusione dei quasi due anni di lavoro sostenuti dalla Fondazione Mirafiori, invece di concludere le attività con una festa di commiato, gli 8 impavidi partner hanno deciso di rilanciare in grande, allargare le collaborazioni a tutto il quartiere, abitanti compresi, e proporre un evento collettivo di comunità, realizzato con l’aiuto di molti, ognuno per come può e secondo quello che meglio sa fare, per dimostrare a Mirafiori Sud di essere una comunità capace di collaborare e realizzare cose belle, anche con poco.

Quale occasione migliore del Carnevale?
Ma affinchè un evento come il Carnevale di quartiere possa realizzarsi e sperare di ripetersi negli anni, in una situazione di risorse economiche scarse come quella attuale, è necessaria la collaborazione di tutti coloro che in quell’evento vedono qualcosa di importante: il divertimento di bambini e adulti insieme, il piacere di fare rivivere le tradizioni, il simbolo di una comunità vivace e reattiva.
La collaborazione attiva di chi si lascerà coinvolgere a sfilare mascherato, e del supporto di chi il giorno della festa non potrà partecipare, ma tuttavia crede che sia una bella idea per Mirafiori Sud.

Abbiamo pensato ai coriandoli.
Per carnevale non comprare i coriandoli, offri 2 euro per avere I Coriandoli di Mirafiori Sud, nel sacchetto personalizzato con la molletta di legno decorata a mano, confezionati da un gruppo di simpatici e volenterosi abitanti.

La donazione dei 300 amici che vorranno i nostri sacchetti di coriandoli (tanti sono i sacchetti pronti) ci aiuterà a coprire le spese di questa edizione e a mettere in cantiere la prossima!

Ecco come puoi averli:
Sabato 4 febbraio pomeriggio andando a prendere un caffè alla nuova Locanda Nel Parco aperta in anteprima (Via Modesto Panetti 1, Torino) – durante la Festa delle 5 ERRE.
Lungo il percorso del carnevale sabato 18 febbraio (guarda il volantino sotto per conoscere il percorso)
Li puoi richiedere a Elena chiamando il 347.0444787

percorso_carnevale

Anche le Sentinelle dei Rifiuti alla festa delle 5ERRE

Postato il Aggiornato il

Sabato  4 febbraio le Sentinelle dei Rifiuti saranno presenti alla festa delle 5 ERRE per aiutare i partecipanti a rendere a basso impatto ambientale il pomeriggio. Gli spazi della Casa nel Parco, dove si terrà l’evento, verranno allestiti, infatti, con cestini per poter conferire separatamente i rifiuti.

Le Sentinelle dei Rifiuti sono un gruppo di collaboratori dell’associazione Eco dalle Città, che nel tempo ha portato avanti progetti per promuovere e diffondere la cultura del riciclo dei materiali in città e l’importanza del concetto di riduzione dei rifiuti. Nel quartiere Vanchiglia, poi a San Salvario,  e adesso a Porta Palazzo, per le strade e nelle scuole: in diverso modo  e in diversi luoghi il gruppo si è impegnato per sostenere i cittadini nelle piccole azioni quotidiane di recupero e di riciclo, ma anche dimostrare loro, attraverso i “trash mob” quanto materiale riciclabile erroneamente viene conferito costantemente nei cassonetti dei rifiuti non recuperabili.

Ultima esperienza quella nel mercato di Porta Palazzo, dove le Sentinelle sono impegnate nell’aiutare i commercianti a conferire l’organico nei contenitori per l’umido, evitando che si creino tonnellate di rifiuti misti.

15621841_1378798335473555_8197054623721494827_nE, come si sa bene, un problema molto forte nei mercati è quello dello spreco di cibo. Così come nei supermercati, avviene ogni giorno che anche nei mercati rionali molta frutta e verdura venga scartata perché ammaccata o non più bella nell’aspetto. Da qui allora l’idea di creare un banchetto che permetta alle sentinelle, dopo aver raccolto il cibo che rischia di finire nella spazzatura direttamente dai commercianti, di ridistribuire a chiunque lo desideri, il cibo raccolto quotidianamente.

Un’idea che si sposa perfettamente con lo spirito della festa 5 ERRE, durante la quale si terrà un aperitivo a cura della cooperativa sociale Patchanka preparato con le eccedenze alimentari dei mercati e con le donazioni volontarie dei negozianti del quartiere

Ormai la festa si avvicina, e tutto sarà preparato con cura per far sì che sia un evento sostenibile in ogni suo aspetto.

 

AlViSe- Alpignano Vive Senza

Postato il Aggiornato il

La Festa delle 5 ERRE si sta rivelando occasione preziosa per ampliare le conoscenze e rendersi conto di quanto sia importante e varia l’attenzione all’ambiente e ai comportamenti responsabili. AlViSe lo abbiamo conoscito così, grazie al passaparola nell’organizzare l’evento di Sabato 4 Febbraio e ne siamo stati piacevolmente colpiti.
Ecco chi è.

ALVISE ALpignano VIve­ SEnza (senza denaro,­ spreco e inquinament­o) è un gruppo spontaneo autogestito di mutuo aiuto e senza scopo di lucro, nato per ispirazione dalla lettura del li­bro “L’uomo senza sol­di. Vivere facendo co­mpletamente a meno de­l denaro” di Mark Boy­le. La partecipazione ad ALVISE è libera a tutti, e da due anni ad oggi sono già circa 370 gli iscrit­ti.

La base comune del gruppo è la free­conomy (economia del dono) ­realizzata con l­o scambio gratuito di beni mat­eriali e di abilità i­ntellettuali e manual­i. ALVISE da corpo all’economia del dono, del­la condivisione, dell­o scambio e del barat­to, organizzando incontri ­dove ognuno po­rta ed acquisisce sap­eri e conoscenze.­ La generosità (l’att­o di dare senza aspet­tarsi nulla in cambio)­ è il principio di A­LVISE dove c’è chi dona i­l proprio sapere e te­mpo conducendo corsi ­e lezioni, chi mette ­a disposizione gli sp­azi, chi prepara piac­evoli aperitivi autop­rodotti da consumare ­a fine incontro, chi regala oggetti semi nuovi affinché trovino una nuova vita. Sostenibilità ambientale e rispetto sono gli altri principi che guidano le attività di questo gruppo informale, che con esempi concreti dimostra il valore del dono nella nostra vita quotidiana.

Sono tante le cose fatte con questa filosofia: corsi d­i autoproduzione (tor­telli, sapone, deters­ivi, gelato, pizza), percorsi  esperienziali (Thai­ Chi, Medigym, Yoga, Tone Up, Power Stretching, Acrobazie Aeree, ­Meditazione, Reiki, S­eduzione, Musica), pa­rlato di risparmio en­ergetico, visionato d­ocumentari ed approfo­ndito stili di vita a­ noi vicini come la S­emplicità Volontaria.­ Non mancano i mom­enti di svago con cen­e vegetariane/vegane,­ gite culturali e vis­ite ad ecovillaggi.

Contatta il gruppo AlViSe via telefono (3­29 82 72 559) o facebook ­https://www.facebook.­com/alpignanovivesenz­a/

 

L’importanza del riciclo spiegata da Pop Economix con “Plastiche, rotte di collisione”

Postato il Aggiornato il

Un’associazione che fa divulgazione su temi quali l’economia, la cittadinanza, le scelte responsabili e tanto altro. Così si potrebbe definire Pop Economix: un progetto che unisce l’interesse per i vari aspetti della vita quotidiana e le implicazioni che questi hanno con l’economia. L’obiettivo è quello di coinvolgere il pubblico su temi complessi, stimolandolo ad informarsi, educare sul tema in varie forme, spiega Paolo Piacenza, il direttore editoriale di Pop Economix.

Attraverso il teatro, il giornalismo e momenti informativi, i membri di Pop Economix mirano a aiutare il singolo cittadino ad essere consapevole delle proprie scelte finanziarie. Perché è vero, se l’economia è nelle mani dei “grandi decisori”, è anche vero che il singolo può incidere sui processi se in grado di formare una comunità.

index

Durante la festa delle 5 ERRE del 4 febbraio, Pop Economix metterà in scena, grazie all’esperienza di Franco Bergogno, uno spettacolo dal titolo “Plastiche, rotte di collisione”, il primo di una trilogia, in fase di costruzione, in cui  il tema dell’economia viene ancora una volta messo in collegamento con diversi aspetti della vita quotidiana.

Come si deduce dal titolo, argomento centrale dello spettacolo sono i danni che le enormi quantità di plastica nei mari provocano all’ambiente, all’ecosistema.

Il progetto prende spunto dalla spedizione nel mar Artico organizzata dal 5gyres Institute, un gruppo specializzato nel documentare e analizzare la presenza di rifiuti plastici nei mari del mondo.

static1-squarespace-com
fonte: http://www.5gyres.org

 

Tra loro anche il giornalista Franco Borgogno, che ha raccolto informazioni sul tipo di rifiuto trovato nel mitico passaggio a nord ovest. Dai piccoli ai grandi rifiuti di plastica, nelle acque che uniscono l’Oceano Pacifico e Atlantico il gruppo ha trovato di tutto. Platiche che, una volta diventato cibo per i pesci, entrano a far parte della catena alimentare e alimenteranno i pesci di cui noi stessi ci cibiamo.

Quale futuro ci attende? Quali soluzioni saranno da prendere? Abolire l’uso della plastica o sostenere politiche che valorizzino il riutilizzo e il riciclo e  di questo materiale?

Riuso e creatività con “ATEFRA” alla festa delle 5ERRE

Postato il Aggiornato il

In tema di riuso, centrale è la creatività di chi si impegna per dare una nuova vita ad oggetti o materiali. Quella che non manca a Francesca Fischetti, che da sempre ha una grande passione per il cucito e per la realizzazione di nuovi capi o accessori partendo capi già esistenti. Una maglia che diventa una borsa, un pantalone che diventa una gonna, e così via..

15095514_1153077451448586_182880426922783906_n

Da anni Francesca lavora con i tessuti, appassionata a realizzare le sue idee con stoffe di qualità, difficili da trovare in giro. E questo suo interesse per la qualità e le sue competenze sono state premiate anche dalla Regione Piemonte, che le ha conferito il riconoscimento di Eccellenza Artigiana, un “marchio” che ha l’obiettivo di valorizzare e rilanciare le lavorazioni di prestigio, siano esse antiche o rivisitate con tecniche e tendenze estetiche attuali.

Forte della sua passione Francesca ha avviato negli anni una sartoria creativa in cui poter immergersi e un laboratorio che, anche se adesso non ha più una sede fisica, è conosciuto come Atefra.

Nel pomeriggio del 4 febbraio, durante la festa delle 5ERRE, tempo e spazio sarà dedicato proprio al suo lavoro, grazie ad attività manuali che prevedono la creazione di nuovi accessori partendo da un accessorio molto usato e anche molto soggetto ad essere facilmente scartato: le calze di nylon.

Con Francesca si sperimenteranno nuove idee per poter dare nuova vita proprio a queste, gettate così tanto facilmente non appena presentano difetti, buchi o comunque segni del tempo. Cosa diventeranno?